• Molo 21

Pesce bianco: curiosità e benefici

Il pesce è un alimento straordinario, povero di grassi ma ricco di proprietà è importante per la nostra salute. Per la bontà delle loro carni saporite e delicate, i pesci bianchi, sono da sempre molto apprezzati e ricercati. In base a come si cucinano e agli ingredienti con cui si associano, assumono sapori notevoli.

Si possono gustare al cartoccio, alla griglia, al forno o alla piastra. La poca presenza di spine li rende veloci da preparare, per piatti adatti anche ai bambini.


Pesce bianco o pesce azzurro?

Vi siete mai chiesti che differenza c’è tra pesce azzurro e pesce bianco? Spesso non sappiamo quali specie appartengono alle due categorie.

Chiamato anche pesce magro, a livello nutrizionale, il pesce bianco ha pochi grassi e un apporto calorico equilibrato. Le varietà maggiormente conosciute sono il Baccalà, il Merluzzo, il Nasello, l’Orata, la Platessa, la Sogliola e la Spigola. Questi vivono nelle zone più profonde degli oceani, dove è più facile alimentarsi. Accumulano il grasso nel fegato, per questo hanno una massa lipidica nella zona muscolare, che è ciò che normalmente mangiamo.

Il pesce azzurro, chiamato così per la tipica colorazione del dorso, presenta invece meno squame e ha una carne più grassa e dal sapore più deciso. Bisogna però specificare che i grassi in questione sono “buoni”, perché ricchissimi di omega 3.

Tra le varietà di pesce azzurro troviamo le Alici, il Tonno, le Acciughe, lo Sgombro, il Pesce spada, lo Scorfano.

Nonostante la sua elevata quantità di Omega 3, il salmone non è annoverato tra i pesci azzurri per le sue caratteristiche. Se avete ulteriori curiosità sul salmone passate a leggere il nostro articolo: “Il Salmone, tutto quello che c’è da sapere”.


Baccalà: curiosità e ricette

In quanti amate cucinare i piatti a base di pesce bianco?

Tantissime sono le ricette facili e veloci da realizzare, portando in tavolo un piatto saporito e salutare.

Uno dei protagonisti della cucina italiana è sicuramente il baccalà. L’Italia infatti è il secondo Paese al mondo per il consumo di questo pesce bianco, preceduta solo dal Portogallo. Trattasi di una specie Gadus macrocephalus o Gadus morhua, che viene solitamente pescata a nord dell’Atlantico e del Pacifico, e che si è diffuso nella nostra Penisola intorno al XV secolo, per via della religione cattolica. Il baccalà, infatti, essendo un alimento altamente proteico, si è collocato come ottimo sostituto della carne nei periodi della Vigilia e della Quaresima. Il basso costo poi ne ha favorito la diffusione anche tra le classi meno agiate. L’elemento chiave della diffusione del baccalà è tuttavia la conservazione. Il merluzzo viene pulito e sottoposto a salatura e stagionatura per almeno tre settimane. Questo processo lo rende un prodotto durevole nel tempo e adatto all’esportazione.

Tante sono le ricette che si possono preparare con il baccalà. La cottura principale del pesce bianco, e anche del baccalà, è quella in umido, con una base di pomodori, olive e capperi oppure in bianco con un semplice soffritto di aglio e olio. Molto apprezzata è anche la cottura al vapore, soprattutto quando il pesce viene abbinato a un piatto a base di ceci. In molte regioni d’Italia, specie nel sud, è molto amato il baccalà fritto. Al nord invece la versione mantecata, che fa da accompagno alla polenta, è la più comune.


Scoprite qui tante ricette a base di Baccalà, dai sapori più dolci a quelli più intensi.

Da Molo 21 il Baccalà, patate e fiori è uno dei piatti più amati. Il nostro chef Kevin vi consiglia di assaggiare anche il tagliolino fresco con pesce bianco locale, pomodorini, olive taggiasche e finocchietto oppure la frittura mista con il pescato del giorno.


Il profumo della nostra cucina inebria tutto il litorale di Santa Marinella, provare per credere!

Vi aspettiamo qui, sulla nostra terrazza sospesa sul mare!



0 comments